Faremo foresta

Faremo foresta Quando finisco un libro e poi mi manca, mi rendo conto del bene ricevuto proprio dal quel libro l Faremo foresta stato questo, un lungo abbraccio, un conforto, un immersione totale nella vita, un posto fresco e profumato, l importanza della possibilit.Tutti noi, ad un certo punto, ci troviamo ad affrontare un giorno del disastro , un giorno dopo il quale tutto ricomincia da capo e deve ricominciare in un modo diverso, perch ogni cosa assume un nuovo significato Trovare qualcosa di bello a cui aggrapparsi per ricominciare dopo il giorno del disastro fondamentale per trasformarci e per stare bene, sopravvivere alla siccit e fiorire nel deserto.Il mio giorno del disastro successo poco pi di dieci anni fa Da allora i miei bicchieri di cristallo e le foglie di Aloe hanno tutto un altro senso E i libri, i libri sono la cura a cui mi sono aggrappata pi forte che mai per guarire.Anna ha appena lasciato il marito, nello stesso momento in cui Alessandro, il suo quasi cognato, ha avuto un incidente in moto e Maria, un amica di sua sorella, un aneurisma proprio davanti ai suoi occhi.La morte non mai stata cos vicina, le cose da rielaborare sono tante, il divorzio, il rapporto con il padre, ricominciare da sola con Nico, il suo bambino, gli altri bambini, tutti i bambini del mondo, il terrazzo della nuova casa, con quelle piante quasi morte e quei buchi da riempire.Maria, dopo essersi ripresa dalla malattia, dal dolore e dalla paura, si offre di aiutare Anna a prendersi cura di quel terrazzo, di quelle piante quasi morte e di quelle nuove che piantano e pianteranno, per riempire i buchi, i buchi del terrazzo e i buchi dell anima, portare fiori, frutti, profumo, colore e freschezza, imparare cose nuove tutti i giorni, cose che si possono insegnare anche a Nico, cose che possono aiutarla ad imparare la vita, il cuore, il rapporto con gli altri, il rispetto della lontananza e della vicinanza, fiorire nel deserto e fare foresta.Per non semplice unire tutte le piante e fare foresta, perch non tutte le piante possono crescere insieme, cos come non semplice essere felici, unire tutte le nuove famiglie che si sono formate, lei e Nico, il suo nuovo fidanzato e i suoi figli, il suo ex marito e la sua nuova fidanzata, azzerare le distanze, superare i sentimenti e le paure, sradicare le proprie radici per trapiantarle altrove E Anna, affrontando ogni giorno le nuove sfide, impara pian piano a riorganizzare la sua vita, ricomincia a scrivere, prende le misure della sua felicit e delle nuove difficolt , mentre il terrazzo cresce ogni giorno di pi e le insegna sempre cose nuove.Con un linguaggio sincero che sa di pensieri buoni e gentili, Ilaria Bernardini mi ha completamente conquistata, facendo nascere in me, emblema assoluto della totale assenza di pollice verde, la voglia di avere un terrazzo rigoglioso e profumato con cui essere premurosa, di avere piante di cui prendermi cura, fiori da annusare, frutti da gustare e infinite cose da imparare Faremo foresta un inno alla rinascita e alla vita stessa, un canto della gentilezza e del prendersi cura, della trasformazione e del sapere contenere tutto, tipo uno, tre o tutti i bambini del mondo.FAREMO FORESTA ILARIA BERNARDINIMONDADORIPREZZO DI COPERTINA 19,00https www.lcomelibro.it faremo fore Avrei voluto non finisse mai Imparo cos che si possono fare vasetti belli senza bisogno di fiori Senza bisogno di tagliare apposta e senza bisogno della primavera Bastano le foglie, le spighe, il verde Bastano gli avanzi delle potature per comporre qualcosa di delicato, le piante mezze morte della vicina per cominciare una foresta, gli avanzi di una famiglia per sopravvivere al deserto. Tutto Ha Inizio Nel Giorno Del Disastro Anna Sta Piangendo La Fine Del Suo A Lei E Il Pap Di Nico, Il Loro Bambino Di Quattro Anni, Hanno Deciso Di Lasciarsi Quel Giorno Anna Incontra Per Caso Maria, Un Amica Di Sua Sorella Che Non Conosce Bene Mentre Parlano, Maria Comincia A Stare Molto Male Anna Le Tiene La Mano, La Guarda Crollare, Chiama I Soccorsi Solo Dopo L Ambulanza, Il Ricovero, Le Telefonate, Si Scopre Che Maria Ha Avuto Un Aneurisma CerebraleTrascorre Una Lunga Estate Di Convalescenza E Dolore Per Entrambe Come Si Fa A Reimparare A Uscire Di Casa E Parlare Con Le Persone Dopo Aver Capito Quanto Vicina La Fine Come Si Fa A Dire A Un Bambino Che Il Pap E La Mamma Non Si Amano Pi La Crisi Economica Ha Intanto Reso Tutti Pi Poveri, Le Meduse Invadono I Mari, Si Annuncia La Fine Del Mondo E Pure Le Piante Sul Terrazzo Della Nuova Casa Di Anna E Nico Sono Mezze Morte Attorno Alle Due Donne, Solo Siccit , Incertezza E Paura Finch , Insieme, Cominciano A Occuparsi Del Terrazzo Disastrato E, Mentre Maria Toglie Il Secco E Il Morto, Pianta Nuovi Semi E Rinvasa, Anna Le Prepara Da Mangiare Cos , Stagione Dopo Stagione, La Menta Diventa Verdissima E Forte, Il Limone E Il Fico Danno I Frutti E Spuntano I Girasole L Oleandro E Il Glicine S Infittiscono, Arrivano Le Lucertole, Le Farfalle, E Ogni Mattina Un Merlo Comincia A Visitare Anna E NicoLe Due Donne Imparano A Prendersi Cura Delle Piante E L Una Dell Altra E Proprio Come Il Terrazzo, Anche Questa Storia Si Fa Sempre Pi Rigogliosa, Fino A Trasformarsi In Una Foresta, Talmente Selvaggia Da Contenere Le Vicende Di Tutta L Eccentrica Famiglia Di Anna E Persino Quelle Della Buffa Cartomante A Cui Lei Si Rivolge In Cerca Di AiutoA Partire Da Un Dolore Comune A Tanti La Malattia, La Fine Di Un Matrimonio, Un Bambino Da Proteggere E Armata Di Un Talento Luminoso E Di Una Grazia Unica, Ilaria Bernardini Inventa Un Alfabeto Botanico Sentimentale Con Cui Compone Una Formula Magica Dal Potere Universale Con Faremo Foresta Inauguriamo Un Movimento Gentile, Fatto Di Cura E Mani Nella Terra, Di Attenzione E Di Presenza Questo Libro Molto Pi Di Una Storia, Un Inno Alla Vita, Una Dolce Rivoluzione Del Pensiero, Un Mantra Per Sopravvivere Alla Siccit E Fiorire Nel Deserto Per, Poi, Fare Foresta Tra 2 e 3 stelle per ora do 3 e poi eventualmente rettifico.La scrittura poco fluida. Voglio venire dove sei tu e voglio che tu vieni dove sono io Sempre. faccio troppi giri di parole Per me NO Quando ho visto per la prima volta questo libro, sono rimasta catturata dalla semplicit della copertina e quando mi stato proposto di leggerlo, per poi incontrare l Autrice, non ci ho pensato due volte Il mio pensiero negativo, deriva pi che altro dall esposizione dei pensieri di Anna Sono molto confusi, onirici, quasi senza senso Spesso mi capitato di pensare che fosse in realt una bambina e invece, madre di Nico Anna passa per essere l amica peggiore del mondo, che non va mai a trovare Maria all ospedale dopo il suo ricovero e, non chiama nemmeno Alessandro mentre in vacanza con quella che ancora per un p dovrebbe essere la sua famiglia Sa di esser manchevole ma nulla la smuove Eppure, Maria dopo molto tempo l , ad aiutarla quando ha bisogno ma se dalla trama il loro rapporto sembrava particolarmente unito, nel libro mi scivolato addosso lo scorrere del tempo Passato e presente si uniscono in un turbine di concetti, senza ordine particolare e fatto principalmente di domande senza risposte Una delle caratteristiche peggiori di Anna la sua paura della morte e vi giuro che fa venire l ansia alle mie ansie In sintesi, per me NO.Anche se capisco il concetto di base e per carit , lo condivido Capisco la paura della Morte, capisco il dolore della separazione, capisco la reticenza a parlare di certe cose ad un bambino piccolo Capisco molte cose ma c modo e modo di esporre i propri pensieri. Comprato a Termini solo perch la copertina ed il titolo mi sono piaciuti molto Sbagliavo Questo libro, come dice l autrice, la noiosissima storia della sua vita e del suo terrazzo Piena di luoghi comuni e di frasi gi fatte, il testo lascia davvero a desiderare Il personaggio di Anna davvero poco costruito e con zero carattere, attaccata al primo marito e impaurita dal secondo, vuole solo proteggere il bambino, concetto anche interessante se non fosse ripetuto per 200 pagine Secondo me questo libro potrebbe funzionare a tutti quelli che hanno bisogno di self help , ma davvero merita molto poco.Se poi vi interessa la botanica, e lo dico dato che il mio mestiere, non compratelo assolutamente Bella l idea di certo non originale del giardino che cresce come metafora del percorso di rinascita dei personaggi A mio parere storia poco credibile Scrittura sn Ad ogni modo, qualche lacrimuccia scende qua e l. I loved this book so much for its soft kind pace, humor and wisdom Funny and profound, the novel memoir it s about all that happens to us love, death, parents, best friends, ex husbands, new loves, children Anda bunch of half dead plants on a terrace which will turn into a forest if loved and patiently looked after Can t wait for this book to be translated into english so thatpeople can read it. Prima di scrivere la mia idea su questo libro, ho letto un po cosa ne pensano gli altri Devo dire che questo libro stato molto spinto da molti bookblogger o come si chiamano A inizio estate ne parlavano tutti Me l ero messo in wl con un punto di domanda e l ho lasciato l Mr Kobo mi venuto incontro mettendolo in offerta Io mi sono venuta incontro in un we sufficientemente libero per leggerlo Avevo zero aspettative e partivo forse un po prevenuta.Mi piaciuto Giuro, non lo so Lo trovo scritto bene e trovo che sia una bella idea gi basta e avanza Ma Ci sono numerosi ma che non mi prendo la briga di cercare uno per uno e che hanno fatto s che al 100% di libro letto io dessi giusto un ok Ho letto libri migliori, ho letto libri peggiori, ma, a fine anno, uno si ferma sempre a riflettere un po di pi.Ho letto i miei soliti libri quest anno, come numero intendo, e ce ne sono molti che mi hanno colpito e mi hanno fatto pensare e che mi ricorder No credo faremo foresta rimarr tra quelli, ma l idea di quella foresta l mi piaciuta.

Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the Faremo foresta book, this is one of the most wanted Ilaria Bernardini author readers around the world.

[EPUB] ✴ Faremo foresta  By Ilaria Bernardini – Ultimatetrout.info
  • Kindle Edition
  • 191 pages
  • Faremo foresta
  • Ilaria Bernardini
  • Italian
  • 14 November 2017

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *